REGOLAMENTO ISCRIZIONI

Criteri per la formazione delle classi

La formazione delle classi è curata dal Dirigente scolastico e da alcuni insegnanti della secondaria di 1° grado sulla base dei colloqui effettuati con i docenti delle scuole di provenienza e dei principi generali stabiliti dal Collegio Docenti. Al fine di garantire, il più possibile, una formazione equilibrata delle classi, sia in senso quantitativo che qualitativo, nella suddivisione degli iscritti si tiene conto dei seguenti criteri: 1. suddividere equamente il numero delle alunne e degli alunni, sia interni che esterni; 2. distribuire eventuali casi problematici, con particolare considerazione delle difficoltà specifiche di apprendimento; 3. bilanciare gli alunni, anche in base alle valutazioni, per evitare la formazione di classi con livelli troppo differenti; 4. fare il possibile affinché un alunno (se la famiglia lo chiede), sia inserito con alcuni compagni provenienti dalla stessa classe o dalla stessa scuola. Scelta della sezione Una volta formate le classi, la scelta delle sezioni avverrà con un sorteggio. L’estrazione della lettera per la scelta della sezione sarà effettuata davanti ai genitori dal Dirigente scolastico a settembre (almeno una settimana prima dell’inizio dell’anno scolastico) nel corso di un’apposita riunione delle famiglie con il Collegio Docenti (la data sarà comunicata con alcuni giorni d’anticipo)

Regolamento per il Docente

1.             Il Docente che chiede e/o accetta di far parte dell’ Istituto La Salle intende collaborare alla specifica missione educativa. L’assunzione presuppone l’adesione al Progetto Educativo dell’Istituto che il Docente e tenuto a conoscere e ad attuare.

2.             Ogni Insegnante e tenuto a trovarsi nell’Istituto almeno dieci minuti prima dell’inizio delle lezioni, per l’accoglienza degli alunni.

3.             Cura l’ordine della classe, il silenzio e l’attenzione durante le lezioni, il contegno corretto degli alunni. Educa gli alunni al rispetto per l’arredo scolastico e all’ordine dell’aula. Ad ogni alunno assicura attenzione e disponibilita di ascolto.

4.             Vigila sugli alunnie sulle attivita di cui e responsabile. Evita di allontanare gli alunni dalla classe come provvedimento disciplinare. Non consente loro di recarsi ai servizi senza reale necessita.

5.             Al termine di ogni lezione si assicura che gli alunni annotino con esattezza sul proprio diario compiti e studio assegnati.

6.             Accompagna gli alunni per l’intervallo e per l’uscita, senza anticipare ne ritardare l’orario indicato, curando il silenzio e il movimento della fila.

7.             Durante l’intervallo delle lezioni i docenti sono tenuti, secondo il calendario concordato, all’assistenza degli alunni onde prevenire il verificarsi di eventi dannosi. I turni di assistenza e di vigilanza sono concordati annualmente dal Collegio Docenti.

8.             Nel registro di classe pone la firma dopo ogni lezione, annota l’argomento delle lezioni ed eventuali provvedimenti per gli alunni. Segnala subito alla Famiglia e al Direttore eventuali mancanze di rilievo. Nel registro personale riporta le assenze degli alunni e le valutazioni delle prove scritte o grafiche e delle interrogazioni orali, in modo che risulti chiaramente il giorno in cui l’alunno e stato assente dalla lezione o e stato interrogato. Il registro personale deve essere lasciato a scuola.

9.             All’inizio dell’anno scolastico il docente prepara e consegna alla Direzione il piano di lavoro (programma didattico) preventivo, nel quale e contenuta l’ipotesi didattica che egli intende attuare.

10.         Al termine dell’anno scolastico presenta alla Direzione una relazione finale nella quale in consuntivo viene illustrata la situazione della classe circa il comportamento scolastico, il modo in cui e stata attuata l’ipotesi didattica iniziale, il programma svolto, i risultati ottenuti e le proposte per eventuali miglioramenti.

11.         Le esercitazioni scritte, coerenti con lo svolgimento del programma, devono essere diligentemente corrette e riconsegnate all’alunno con sollecitudine, perche possa rendersi conto degli errori.

12.         Il docente esige la puntuale consegna dei compiti di casa e verifica la preparazione delle lezioni assegnate. Assicura ad ogni alunno un congruo numero di valutazioni che comunica alla Famiglia tramite il libretto.

13.         L’insegnante non ritiene in genere esaurito il suo compito educativo con il lavoro svolto durante le lezioni, ma e disponibile anche al di fuori dell’orario di classe ad accogliere e stimolare, le richieste degli alunni per incontri personali o di gruppo e per lezioni integrative.

14.         Data la particolare importanza che l’Istituto annette alla collaborazione scuola/famiglia, il docente procura di favorire in ogni modo il dialogo, sia individuale che collegiale, con i genitori degli alunni. Nei giorni e nelle ore stabilite si tiene a disposizione per i colloqui previsti dal calendario scolastico.

15.         Assicura la partecipazione ai Collegi dei Docenti, ai Consigli di Classe, alle assemblee con i genitori, secondo il calendario programmato.